– Under FEST –

Underground Rap Festival

Dal 2013 viene organizzato il Underground Rap Festival – Under FEST che prevede varie giornate tra concerti e incontri con artisti   “underground” e professionisti del genere rap/hip hop da tutta Italia. 

Negli anni vi è stata un’ampia crescita di pubblico (nel 2018 sono state registrate 1400 presenze da tutta Italia, isole comprese e Svizzera), alla quale s’integra una proposta artistica sempre più vasta e variegata.

L’evento nasce per aggregare e presentare nuove formule di approccio alla musica rap, creando una piattaforma di contatti e collaborazioni tra artisti, oltre ad un corridoio comunicativo tra questi e il pubblico.

La formula utilizzata nei concerti è una chiara dichiarazione poetica, ossia quella del cypher o pass the mic: mescolando musica, parole e stili, si costruisce un’altra strada di condivisione (caratteristica principale della cultura hip hop).

Ogni anno partecipano circa 30 artisti, ci impegniamo a mantenere questo standard anche per le edizioni future, in una miscela di rapper emergenti e affermati. Crediamo fortemente nella necessità di dare voce e spazio agli artisti più giovani in un Festival che, a livello italiano, è diventato punto di riferimento.

Ogni edizione del Festival ha una forte connotazione grafica: l’immagine, nata nel 2013 da un’idea di Max Penombra (grafico e membro del consiglio direttivo della nostra Associazione), ogni anno è stata curata da artisti del collettivo riminese Romagna in Fiore per mantenere un approccio comunicativo a 360 gradi, coinvolgendo varie discipline artistiche.

 

Possiamo affermare che Under è un Festival – Laboratorio, che punta a costruire esperienze inedite e uniche per un genere che osa poco e, soprattutto in questo momento, riesce a rappresentare ampie fasce di pubblico. Il confronto con e tra i mass media di settore e personalità artistiche permette un aumento della consapevolezza, della necessità di approfondire il tema della cultura hip hop e di parlare, sia con il pubblico sia con chi produce musica, in maniera concreta e non banale rispetto a cosa crea, trasmette e lascia. In conclusione pensiamo che un Festival, oltre ad intrattenere e animare, deve riflettere sul mondo al quale comunica. A volte osando percorsi mai provati

Ospiti delle scorse edizioni:

Kaos One – Willie Peyote – Claver Gold – Murubutu – Bassi Maestro – Johnny Marsiglia – Davide Shorty – Ensi – Lord Bean – Apollo Brown – Axos – Mattak – Nerone – Moder – Ice One – Inoki – Warez – Colle Der Fomento – E-Green – 

Night Skinny – Promoe – Dj Fastcut – Macro Marco – Dutch Nazari

Dj Nersone aka Ciccio B – Dima – Kenzie – File Toy – Johnny Roy – Irol – Damir Ivic – Antonio Dikele Distefano – David Nerattini – Alessandro Burbank – Zampa – Drimer – Brain – HYST – Federico Savini – Filippo Papetti – Tmhh – Leslie – Madkid – Elia Alovisi – Marta Blumi – Gionni Gioielli – Bosca – Atpc – Lord Madness – Alien Dee – Simone Eleuteri – Don Diegoh – Triflusso – Moddi – Dj Trix – Dj Lugi – Musteeno – 

Blo/B – Kmaiuscola

John Durrell – Deesa – Fckn Joe Yellow – J.Y.B. – William Pascal – Lethal V – MoonLoverz (Azure Stellar, ElDoMino, Soulcè, Swelto) – Principe – Albe OK – Hydra – Reiven – Toni Meola – NextOne –ADT – Limon Willis – Lil’Pin Parabellum – Funky Nano – Frank Sativa – Sgravo – Wiser – V’aniss – Vashish – Cui Prodest – Brenno – Danny Beatz – Shone – Aldivas – Sammy Boy – Dj T-Robb – Wild Ciraz – Anagogia – Ares – Pacman XII – Dusted – BigRule – Dosher – Dies – Sph – Soulcè – Apoc – Dj Craim – Piranha Clique – Onemore – Chimera Crew – Tura Toro – Slat – Kugio – Tredici Grammi – Fora – Fadamat – Ctrl+d – Word – Ness – Dj Bless – Tesuan – Lady Larri 

aka Sally Bowles – Loop Loona – Kyodo & Prosa – Sistema Assonnato – Dj Click – Zanzu aka Madj – Jack Makkia – Dam Larko

Video